Poesie

Testi delle poesie pervenute ed inerenti il nostro quartiere.

‘a scola media

A forza de scavà attonno attonno,
colla grazia der re e… la regina
se trover de certo, in fonno in fonno,
la tomba de la serva de Agrippina.

Li regazzi che devono annà a scola
nun troveranno de certo, in confidenza,
er bidello dentro a la guardiola,
ma de sicuro ‘na grossa differenza.

Un cumulo de terra grosso grosso,
co sopra un omo co l’ermetto giallo
che cerca de trovà, forse, quarc’osso.

Caro pischello, datte pure allo sballo,
perchè, te giuro, tu sarai promosso,
quanno vedrai arripiscià er gallo.

Romoletto (Maggio 2006)

S’arricomincia

S’arricomincia da capo ‘n’antra vorta.
Le ferie so finite… er conto piagne.
Li pensieri lasciati fori dalla porta,
scordati ar mare o sopra ‘na montagna,

te li ritrovi davanti prepotenti,
schignazzando drento la capoccia:
“Er bollettino dell’auto; centoventi!
I libri de scola:… mano a la saccoccia!

La benzina, er traffico, er lavoro,
l’iscrizione all’asilo der pischello,
er condominio arretrato, bontà loro,

la luce, er gasse, l’acqua”… ‘n ritornello
che te senti cantà drento, come ‘n coro…
…Mejio che stavo a casa… che macello!

Er Monaco (Settembre 2006)

I du’ pensionati (Parte 1)

A Romolè… semo campioni der monno!
Cojioni, Giovà,… allora, vanno bbene
pure quei pri pensionati, der fonno…
de l’Inpese, che je fa patì le pene?

Ah… Romolè… nun fa sempre er venale.
Pensa a la gloria nostra… ar Tricolore…
Aho! A li franzè j’avemo fatto male,
tiranno drentro quell’ultimo rigore!

…Giovà… io cenavo co’ le patatine,
coprate ar bare, sotto la piazzetta,
e quanno, finarmente, che alla fine,

me so trovato co’ la gola stretta,
ho strillato pur’io senza confine:
Viva l’Italia!… Seppure sto ‘n bolletta.

Er Monaco (Luglio 2006)

I du’ pensionati (Parte 2)

A Romolè, te piace ‘sta finanziaria
ch’er governo ce propina su le spalle?…
A Giovà, fra poco, mesà, puro l’aria
che respiramo, te tassano… che palle…

Tu sei sempre er solito rugone…
Te stai a scordà che c’avemo un buco grosso
E che pe’ fa quadrà li conti a la nazione
dovemo pe’ forza arosicasse st’osso?…

…ma possibile che st’osso, Santiddio,
co sta micragna che c’ho nella saccoccia,
me lo devo arosicallo sempre io?

Vojio esse sincero: a me scoccia,
che lo Stato me fa er piagnucolo…
Se po riemp er fiume, co’… ‘na boccia?…

Er Monaco (Novembre 2006)

I du’ pensionati (Parte 3)

A Romolè, c’è na novità grossa!
Che aumenta percaso a pensione?
Hao! Ogni vrta fai li stessa mossa.
Te vojo dì, che stai n navigazione.

Sei annato a finì, sur sito der Casale.
E se tu nun me fai er canzoniere,
te posso dì ch’è na cosa eccezionale
Sei lanziano più famoso der quartiere!

A Giovà, ste cose, io, nun le capisco.
Eppoi, nun ho mai fatto, er marinaro.
Sto sito, ma che d’è, percaso er fisco?

N’era mejo, che sto governo avaro
Invece de famme arrisentì sto disco,
la smettesse. De fa lo zampognaro!

Er Monaco (Febbraio 2007)

I du’ pensionati (Parte 4)

A Romolè che pensi de ‘sto Grillo?
Ne stanno a parlà, ormai, tutti quanti.
Tu invece te ne stai bello tranquillo
co’ ‘na mano dietro e una davanti.

A Giovà ch’è cambiato er direttore
dell’Ente che ce passa la pensione?
come hai detto chi è ‘sto conduttore
ch’arzato ‘sto po po de polverone?

E’ Grillo…er comico. Te possino
dice che i deputati so’ ‘na casta,
in pensione co du’ anni de cammino…

…e a me me tocca sartà co’ l’asta
Sentendo tutti i giorni er bollettino,
dell’aumento der pane e della pasta.

Er Monaco (Ottobre 2007)

Un Cigno
“Al piccolo Tommaso Onofri”

Nessuno lo vedeva lungo il fiume
dove il suo Cuoricino si fermato
e il tepore del Sole, le sue piume,
giacchè sepolte… non ha riscaldato…

…per Lui, che stava diventando Cigno,
concesso ogni spazio e può volare,
far perdonare l’avido, il maligno
o chiunque non riesca più ad amare…

…così, dal pianto in cerca di sua Madre,
si è calmato all’abbraccio di Maria
che per Tommaso ha carezze leggiadre,
baci e purezza e ancora fantasia…

…perchè Lei sa donare ai suoi bambini,
che gli Uomini malvagi Le hanno ucciso,
Ali stupende e giorni cristallini
degli Angeli che affida al Paradiso…

…che torneranno sempre fra di Noi,
entrando dentro l’Anima di ognuno
e in chi si culla dei peccati suoi
senza rimorsi o pentimento alcuno…

…ma proprio il loro sguardo celestiale
che saprà fargli aprire la coscienza
fino a capire ciò che è bene o male
purchè vegliati dalla trascendenza.

Ora, però, una nuvola giardino,
la Stella è gioco e favola infinita,
Gesù è l’Amico che gli sta vicino,
lo stringe e dice:”Tommy è la Mia Vita!…

…l’Uomo che sbaglia ancora si vergogni
dei delitti contrari al Mio Volere,
e chi gli ha tolto Madre, Amore e Sogni
sia condannato a lacrime e preghiere!!…

…perchè la fine di un destino atroce
è dolore inchiodato sulla Croce”…

Paolo Chieco (Aprile 2006)

Giovanni e Romoletto

A Romolè, mo stamo più tranquilli,
perchè pare che er sindaco nostrano,
fra tante scazzottate e tanti strilli
fra politici de dritta e contromano

s’è fatto fa in men che non si dica,
‘n partito rifatto e tutto novo,
che c’abbia, però, la forza e la fatica,
de fa finarmente ‘n ber rinnovo…

A Giovà, però a me, me pare strano,
che ‘n’omo che c’affatto la promessa
de fa la scola, parlanno da cristiano,

e da diec’anni nun vedi ‘na commessa,
me pare che sta ‘a fa er frascatano…
Er cero mo s’è spento…e addio messa!

Er Monaco (Ottobre 2007)

La borsa de Romoletto

Ciao Romolè, mamma mia che storia
che macèllo, che botta, che tranvata.
Stavòrta si c’annamo pe cicoria,
chi te la pela stavòrta la patata?

Giovà, ma che sta’ addì, nun te connetto.
Ma che te sta a pià er coccolone.
Sei bianco più bianco der bianchetto.
Daje tirate su, nun fa er minchione.

S’è abbacchiata la borsa, te ne sei accorto!
E mo, que quattro sòrdi che c’avevo,
messi ar sicuro, me dici ‘ndo li porto?

Aoh, proprio pe da a n’amico ‘sto sollievo,
visto che c’hai avuto sempre, er braccio corto,
annamoselo a magna e beve ‘sto…prelievo!

Er Monaco (Ottobre 2008)

 

Approposito de’ elezioni.

A Romolè che pensi de ‘st’elezione?
A Giovà ce stavo proprio a pensà.
Quarcuno a preso ‘na bella delusione
anche se pensava che se poteva fa.

Stavorta semo stati proprio boni
A scaricasse co ‘na botta sola
Tutti quei partiti nani e risiconi
Che stavano li solo a fa la ola.

Era logico finilla a ‘sta maniera
Te dico ch’è ‘na cosa de natura,
come la luna che spunta ‘n de la sera…

Se cambiamo er medico e la cura,
Co’ la speranza de guarillo, ‘sto colera,
po darsi che sarvamo la Criatura.

Er Monaco (Aprile 2008)