Roberto Giorgi

(senza titolo)

Da quando so’ arivato e’ un gran macello:
‘na puzza atroce che te sturba tutto,
er latte annato a male a la centrale,
la porvere che te fa tutto nero,
er chiasso de le machine ‘ncazzate.
Eh si te se’ portato appresso er core,
penzavi de fuggi’ da la città
e ‘nvece sei cascato ne la cacca
– se fa pe’ di ‘de cani e de cristiani –
e pure a me me piace sto quartiere,
me pare de sognà, de sta’ ‘n campagna
e vado a Pratolungo le matine
a core a perdifiato a la pineta.