Eleonora Delprato

“Ticche, tacche”
(ovvero: filastrocca del bus fantasma e del tempo che passa)

Ticche – tacche – ticche – tacche
passa il tempo
passa un’ora
ma ‘sto 404
no, non e’ passato ancora

ticche – tacche – ticche – tacche
torno verso casa mia
mi accompagnera’ la mamma
con un’auto e cosi’ sia…

… …

Ticche – tacche – ticche – tacche
mentre piano m’incammino
sento dietro a me un rumore
forse il bus e’ qui vicino

corro corro a piu’ non posso
sono quasi alla fermata …
ma la porta s’e’ richiusa
ed a piedi son restata!