Incontro con l’Assessore Giancarlo D’Alessandro

0
168

Venerdì prossimo, 11 maggio 2007, alle ore 9,30 (presso la nostra sede di via Poppea Sabina 71) l’Assessore Giancarlo D’Alessandro verrà a Casal Monastero per incontrare la Sovrintendente di zona e definire l’inizio dei lavori delle scuole e delle opere del Piano di Zona. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare all’incontro.

Insieme al Laboratorio 5, abbiamo avuto due incontri con l’Assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Roma, al secondo incontro era presente l’Assessore D’Alessandro e quello che riportiamo di seguito è un sunto della conversazione avuta.

RESOCONTO DELL’INCONTRO CON L’ASSESSORE AI LL.PP. GIANCARLO D’ALESSANDRO DEL 3 MAGGIO 2007.

UN IMPEGNO PERSONALE, PER RISPOSTE CONCRETE

Finalmente siamo riusciti ad incontrare “personalmente” l’Assessore D’Alessandro, ed a lui abbiamo rivolto quelle domande che sino ad ora non avevano avuto risposte certe, in merito alle problematiche più urgenti del Piano di Zona, ovvero:
SCUOLE e URBANIZZAZIONI SECONDARIE.

All’incontro, richiesto dal LABORATORIO 5, erano presenti, oltre all’Assessore, anche la Sig. Paone (per il Dip. IX) e la Sig. Miscioscia (per il Dip. XII), del suo Staff, oltre a:
Arch. Ciocci: Ufficio edilizia scolastica, Dipartimento XII;
Ing. Andreangeli – Arch. Loria: Ufficio Piani di Zona, Dipartimento IX;
Arch. Roia: Progettista per gli operatori
Laboratorio 5: Sig. Stopponi – Sig. Zaghini – Sig. Fanelli – Sig. Amadio – Sig. Giulianini – Sig. Dibona

Per rendere più chiara la lettura del presente articolo, lo trascriviamo come se si trattasse di un’intervista fatta da noi del C.d.Q. all’Assessore D’Alessandro.

C.d.Q.: Assessore, vorremmo iniziare questa intervista parlando della questione più urgente per Casal Monastero, le scuole. In particolare le chiediamo, che fine ha fatto l’Asilo Nido previsto in via Poppea Sabina, nell’area n.5 (alle spalle della nostra sede) ed il cui progetto definitivo era stato approvato dalla Giunta Comunale nel maggio 2005?
Ass.: Di questo intervento, per la verità rimasto un po’ indietro nelle nostre realizzazioni, ci stiamo occupando proprio in questi giorni. I progettisti, hanno provveduto a consegnare gli elaborati del progetto esecutivo proprio ieri.

C.d.Q.: Quindi possiamo dire che i fondi ci sono e che presto sarà indetta la gara?
Ass.: Ritengo doveroso assicurarvi che faremo il possibile per mandare in gara l’Asilo entro il mese corrente, quindi auspico che la gara venga aggiudicata nei mesi di settembre/ottobre e di conseguenza poter vedere l’inizio dei lavori nell’anno 2007, poi serviranno i canonici 12 mesi per l’edificazione.

C.d.Q.: Assessore, a cosa è dovuto questo lungo ritardo?
Ass.: Sono state apportate delle modifiche strutturali al progetto iniziale ed inoltre è stata effettuata una campagna di sondaggi geognostici per assumere le necessarie informazioni sulle caratteristiche del terreno.

C.d.Q.: Sondaggi, scavi…. queste parole terrorizzano letteralmente gli abitanti del quartiere, che temono nuovi interminabili scavi archeologici, visto quanto accaduto, in particolare per l’area dell’elementare, ma più in generale per quasi tutte le aree dove sono previsti i servizi ai cittadini.
Ass.: La Sovrintendenza svolge un lavoro difficile, in quanto spesso l’opinione pubblica tende a dimenticare che se Roma ha il fascino che la contraddistingue, molto lo deve al loro intervento. Detto questo, sono certo che con la responsabile di zona (Dott.ssa Paola Filippini) possiamo concordare una metodologia di lavoro che sia quanto più rapida ed esaustiva possibile per entrambi.

C.d.Q.: Saranno necessari altri fondi per questi scavi o sono già disponibili nell’appalto dell’asilo?
Ass.: No, non vogliamo ripetere alcuni errori fatti nel passato. Abbiamo effettuato una gara apposita per realizzare degli scavi archeologici “preventivi” alla realizzazione delle opere di edilizia scolastica. Anzi, per accelerare i tempi, voglio concordare subito un incontro sul posto con l’Impresa che dovrà realizzare gli scavi e la responsabile della Sovrintendenza.
(l’Assessore al telefono parla con la Dott. Filippini proponendo un incontro sul posto per venerdì 11 p.v.)

C.d.Q.: Questo ci fa ben sperare per l’asilo nido, ma delle altre scuole cosa sa dirci? I cittadini sono esasperati perché dopo anni di scavi dell’elementare non v’è traccia! Quando potremo vedere realmente posare il primo mattone?
Ass.: Per la Media, come sapete, l’inizio dei lavori è ormai imminente e sfrutteremo l’occasione dell’incontro con la Sovrintendenza anche per ricevere il definitivo benestare alla realizzazione dell’opera. Per quanto riguarda la scuola elementare posso dire che si è concluso l’iter procedurale di collaudo del precedente appalto e possiamo ora riutilizzare le somme rimaste a disposizione – integrandole con quelle appositamente richieste in bilancio – per indire una nuova gara (come noto, l’Impresa vincitrice il precedente appalto aveva rescisso il contratto al termine degli scavi archeologici).

C.d.Q.: Sa dirci in termini di tempo questo cosa significa? E’ molto importante per noi saperlo, perché i nostri bambini stanno crescendo nelle scuole sparse al di fuori dal quartiere e sono costretti a fare i pendolari sin da piccoli, in questo modo non si conoscono tra di loro e quindi non si crea quella giusta aggregazione, importantissima in una fase delicata come quella della crescita e dell’adolescenza.
Ass.: Come per l’Asilo Nido, mi impegno “personalmente” affinché entro il mese corrente venga indetta la nuova gara. Quindi, visto che i tempi per l’aggiudicazione saranno gli stessi del nido, verso sett/ott dovremmo aver individuato l’Impresa aggiudicataria, ed entro il 2007 potremmo vedere iniziare i lavori.

C.d.Q.: Sa che si sta assumendo un impegno importante nei confronti dei nostri concittadini? Pensa che riuscirà davvero a rispettarlo?
Ass.: Noi siamo dispiaciuti quanto voi per la difficile situazione che si è creata a Casal Monastero, ma siamo molto determinati nel perseguire il vostro stesso obiettivo, quello della realizzazione delle scuole.

C.d.Q.: Per chiudere con l’argomento scuole, ci risulta che i fondi per la realizzazione dell’elementare siano insufficienti per dotare questa struttura della palestra prevista nel progetto originario, cosa può dirci in tal senso?
Ass.: Cercheremo una formula di gara che ci consenta di costruire il fabbricato delle aule ed al contempo – integrando il finanziamento – realizzare anche la palestra.

C.d.Q.: Cambiamo argomento, Piazza n.10 (fronte Eurospin) e annesse aree verdi di via Elisea Savelli, Area n.2 su cui sono previsti un Asilo Nido (meglio scuola Materna secondo noi), un Centro Polifunzionale, un Anfiteatro e una Piazza Pedonale. Insomma le Opere che dovranno essere realizzate dagli operatori “a scomputo” degli oneri concessori, ovvero con i fondi a disposizione del piano di Zona, perché non iniziano?
Ass.: Per quanto attiene la “travagliata” realizzazione della piazza n.10 va specificato che il progetto iniziale è stato completamente rivisto ed “adeguato” ai rinvenimenti archeologici. Ora, essendo il Piano di Zona sottoposto anche ad un vincolo Paesaggistico, è stato necessario concordare un incontro tra questo Assessorato, l’Ufficio del Dipartimento IX, la Sovrintendenza Archeologica e la Sovrintendenza ai Beni Ambientali, che si terrà martedì prossimo 8 maggio, nel quale saranno apportate tutte le modifiche necessarie affinché il progetto recepisca le indicazioni delle due Sovrintendenze e possa essere, finalmente, attuato.

C.d.Q.: Ci scusi Assessore, ma noi, nel clima di collaborazione instaurato, vorremmo prendere visione di questo nuovo progetto prima dell’incontro dell’8 maggio, affinché possa essere evitata la realizzazione di un’opera costosa e fine a sé stessa, o magari poco fruibile dagli abitanti del quartiere (vedi ad esempio la fontana di viale Eretum, bellissima ma priva di manutenzione e quasi mai utilizzata), sarebbe possibile?
Ass: Certamente, fissiamo una data per prendere visione del progetto. (domani, 4 maggio ’07)

C.d.Q.: Tornando all’area in fondo a Viale Ratto delle Sabine?
Ass.: Per quanto riguarda la realizzazione delle opere previste nell’area n.2, possiamo confermare che i progetti sono stati approvati dalla Conferenza dei Servizi, che si è provveduto a formalizzare l’affidamento all’operatore che deve realizzarle e che entro la fine del mese corrente sarà rilasciata la concessione edilizia. Pertanto siamo ormai prossimi all’inizio dei lavori.

C.d.Q.: Ricapitolando, ci sta dicendo che tra Maggio e Giugno potrebbero iniziare tre opere (Scuola Media – Piazza 10 e aree annesse – Piazza 2) e che inizierebbero gli scavi archeologici contestualmente all’indizione gara per l’asilo nido?
Ass.: E’ un mio impegno preciso. Sarà comunque fondamentale l’incontro di venerdì prossimo con la Sovrintendenza.

C.d.Q.: Altro argomento di cui trattare è il passaggio del “diritto di superficie” a “diritto di proprietà” per gli immobili che sono stati realizzati nei piani di zona, visto che per alcuni la procedura è già stata avviata sarebbe opportuno che anche gli altri ne possano beneficiare, non crede?
Ass.: E’ notizia di quest’ultimo periodo del raggiungimento di un accordo tra le parti (Comune e Regione) perché questo passaggio avvenga “quasi naturalmente”, ovvero, senza ulteriori costi o aggravi a carico dei proprietari degli immobili. Una apposita deliberazione della Giunta Regionale sancirà tale accordo e noi lo renderemo noto ai cittadini interessati.

Roma, 03/05/2007

Media voto: 3.00 su 5.00