Resoconto assemblea pubblica

0
71

Un Comitato sempre dalla parte dei cittadini…Metropolitana, ma non solo
Resoconto dell’assemblea pubblica straordinaria del 27 Febbraio 2009

Anche se abbiamo dovuto registrare la seconda assenza dell’Assessore Corsini (annunciata con un fax a pochi minuti dall’inizio dell’assemblea) al quale abbiamo già chiesto un nuovo appuntamento, la buona partecipazione dei residenti a questa nuova assemblea convocata dal Comitato è indubbiamente un elemento che va evidenziato in questo contesto, dovuta certamente alle importanti tematiche proposte all’ordine del giorno ed ovviamente al tema più sentito “il prolungamento della Metro B2”.
Su questo argomento specifico, il Comitato ha avviato una serie di iniziative – alcune insieme agli altri Comitati interessati dall’opera – per incalzare l’Amministrazione Pubblica affinché sia trovata una soluzione urgente alla mancanza dei finanziamenti.
Di seguito elenchiamo ciò che è stato fatto:

  • In primo luogo il Comitato, con fax urgente del 10/02/2009, ha esposto all’Assessore ai Trasporti ed al Sindaco di Roma il proprio disappunto in merito all’ennesimo torto perpetrato nei confronti della periferia, chiedendogli di reperire in tutti i modi i fondi mancanti;
  • Successivamente i Comitati riuniti hanno rincarato la dose, puntando il dito sulle incomprensibili contraddizioni in cui è caduto l’assessorato competente;
  • In seguito, il Comitato ha incontrato il Consigliere Comunale Aurigemma, che oltre ad essere un Consigliere Comunale è anche Presidente della Commissione Trasporti e Mobilità del Comune di Roma, esponendo le nostre perplessità e chiedendo quali siano le reali intenzioni della Giunta in merito al prolungamento della Metro in questione; Il Consigliere, confermando la necessità dell’opera, si è impegnato a presentare degli emendamenti al Bilancio per recuperare fondi da destinare a questo specifico intervento;
  • Infine, abbiamo ritenuto opportuno interpellare direttamente anche il Sindaco Alemanno, per avere certezza sull’interessamento alla nostra Metro; Il Sindaco, lo abbiamo già riportato in una notizia recente, ha ribadito che la nostra Metro è una priorità e che la Giunta sta lavorando affinché sia garantita la necessaria copertura finanziaria dell’intera opera;

Adesso ci aspettiamo una scelta importante dalla Giunta, affinché vengano reperiti i fondi che mancavano al finanziamento totale, per poter approvare il progetto definitivo ed andare subito in gara.
Sulla questione dei finanziamenti, molti cittadini ci hanno chiesto di fare chiarezza e la situazione si potrebbe riepilogare, cercando di usare termini semplici, nel seguente modo:

  • l’ex Sindaco Veltroni firmò l’Ordinanza n.101 il 13/02/2008, in qualità di Commissario Delegato all’Emergenza Traffico e Mobilità, con la quale si approvava il progetto Preliminare del prolungamento della Linea B (3 stazioni per 3,5 Km) sino a Casal Monastero e si affidavano le competenze di “Stazione Appaltante” alla Società Roma Metropolitane (Pag. 01 e Pag 13);
  • In quell’ordinanza si prevedeva che l’opera costasse circa 521 milioni di Euro, di cui una parte veniva subito “impegnata” nel corrente bilancio comunale (circa 13 milioni di Euro), altri 99 milioni di Euro venivano messi a disposizione dalla Regione, altri 66 milioni di Euro derivano dallo Stato grazie a “Roma Capitale” e la parte più consistente di circa 350 milioni di Euro, veniva lasciato alle “previsioni“ di bilancio comunale delle annualità future.

E sono proprio questi due termini a fare la differenza – “impegnata” e “previsioni” – ovvero, gli importi impegnati sono concreti finanziamenti già stanziati sull’opera, quindi subito utilizzabili – mentre le previsioni sono finanziamenti che – benché inseriti nei bilanci pluriennali – restano in attesa di trovare la necessaria copertura finanziaria, cosa che potrebbe anche non avverarsi, come purtroppo sta succedendo in questo caso !!!
Per questo crediamo ci sia bisogno del coinvolgimento di tutte le forze presenti a vario titolo sul territorio per fare pressioni sull’amministrazione affinché sia possibile reperire i finanziamenti, pertanto ben vengano tutte le manifestazioni pubbliche che si prefiggono tale scopo.

Certo, ci è sembrato “inopportuno” il volantinaggio del PD effettuato all’esterno della parrocchia prima dell’assemblea, un atteggiamento che sarebbe stato probabilmente più adatto ed efficace in altri luoghi o circostanze, dove vengono prese decisioni strategiche e coinvolti personaggi di spicco della politica locale e nazionale. (Omissis…)

Il senso di frustrazione e la legittima rabbia mostrata dai cittadini – ben evidenziata anche dagli interventi dei rappresentanti dei Comitati di San Basilio e dell’Unrra Casas – scaturiscono dalle promesse mai soddisfatte dei politici di turno e dal senso d’impotenza cui si resta in balia in momenti come questi, dove il destino ed il futuro di molte persone rimane appeso alla possibilità di reperire dei fondi che al momento – inutile girarci intorno – non ci sono.

Ora, il Comitato, si sta mobilitando per attuare una forma di protesta pacifica in Campidoglio o per una petizione popolare e anche, perché no, per contattare direttamente il Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, se può servire a qualcosa.
A tal proposito, annunciamo ai cittadini, che presto i rappresentanti dei Comitati di Casal Monastero – Torraccia – San Basilio e Unrra Casas avranno un incontro chiarificatore con l’Assessore ai trasporti e Mobilità del Comune di Roma On. Sergio Marchi, al quale formuleremo le domande più spontanee che ci avete rivolto voi cittadini in questi giorni di trepidante attesa, sperando di ottenere risposte esaustive.

Ovviamente, anche di quest’incontro, sarà riportato un dettagliato resoconto sul sito.

NOI LA METRO LA VOGLIAMO e non molleremo fino a quando non sarà effettuata la gara e stanziato l’importo complessivo dell’intervento.

Terminata la discussione sull’argomento Metropolitana, il Presidente del Comitato – Alessandro Zaghini – dopo aver ringraziato la Parrocchia per la consueta ospitalità, ha fornito alcune informazioni importanti in merito alle altre problematiche del quartiere che comunque stiamo seguendo costantemente.

  1. Centrale del Latte; il nostro esposto inizia a produrre degli effetti, infatti alcuni Enti come la ASL, l’ARPA e il Difensore Civico hanno risposto al nostro invito ed hanno avviato una serie di controlli specifici e costanti sia allo stabilimento che all’impianto di depurazione; Anche il Municipio V Assessorato all’Ambiente ha risposto positivamente al nostro appello, convocando due riunioni ravvicinate con i responsabili della Centrale e tutti gli Enti preposti alla manutenzione e tutela delle acque, stabilendo un piano di verifica della qualità dell’aria attraverso l’installazione in zona di centraline per il “rilevamento costante di sostanze odorigene”, metodo che peraltro era stato eseguito già nel 2005 a seguito del nostro precedente esposto alla Procura, con mezzi della “Provincia di Roma” (trovate il verbale in allegato).
  2. Scuola Media; dopo le abbondanti piogge è ripresa l’attività all’interno del cantiere della scuola media e finalmente sono visibili i primi metri cubi di cemento posati sull’area, continueremo a vigilare affinché non intervengano ulteriori problemi a ritardare l’edificazione di questa scuola tanto attesa; ricordiamo che la fine dei lavori è ora slittata da ottobre 2009 a febbraio 2010, a causa delle eccezionali precipitazioni;
  3. Scuola Elementare; la consegna dell’area è avvenuta a fine febbraio, l’Impresa ha provveduto sinora a recintare l’area di intervento e a misurare le quote d’imposta delle fondazioni e del fabbricato, a giorni inizieranno anche qui le attività proprie del cantiere; chiederemo a Don Massimo di benedire quanto prima quest’area, per evitare che ulteriori cause “impreviste e imprevedibili” possano ritardarne il normale svolgimento;
  4. Asilo Nido; a giorni dovrebbe avviarsi anche la realizzazione dell’Asilo Nido previsto in via Poppea Sabina, dietro la nostra sede, un altro edificio scolastico che seppur con notevole ritardo servirà ai secondogeniti o terzogeniti che stanno arrivando nel quartiere;
  5. Scuola Materna; nell’area recintata a bandoni, davanti alla Snai, sono previsti alcuni edifici che saranno realizzati grazie ai contributi “a scomputo” versati dai lottizzatori del Piano, tra questi era previsto un’altro asilo nido, noi da tempo ne chiediamo la riconversione immediata del progetto in Scuola Materna; in questi giorni insieme al Dipartimento IX ed al Municipio V concorderemo l’inizio delle attività per gli scavi archeologici e per le modifiche progettuali e normative da apportare in fretta affinché anche quest’opera possa avere inizio in tempi brevi;
  6. Interramento Elettrodotto; dopo aver ricevuto ampie rassicurazioni in merito al finanziamento dell’intervento, dall’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Roma On. Fabrizio Ghera, siamo ora in attesa di ricevere copia del provvedimento che ne impegna i fondi, attualmente fermo presso la Ragioneria Comunale, nel frattempo gli uffici tecnici del Dipartimento XII e dell’ACEA si stanno attivando per definire le fasi avanzate del progetto al fine di contrarre i tempi necessari per l’ottenimento dei numerosi Nulla Osta alla cantierizzazione dell’opera;
  7. Aree a verde pubblico in via Elisea Savelli; abbiamo partecipato ad un nuovo sopralluogo sul posto per stabilire, insieme agli uffici tecnici, le migliorie da apportare alle aree che sono in fase di realizzazione, tra queste l’eliminazione dei dislivelli troppo accentuati, la realizzazione di opportuni scivoli in corrispondenza di tutte le entrate ai viottoli pedonali, l’apertura di ampi passaggi nelle staccionate già posizionate, la tipologia e la posa delle panchine previste, la realizzazione di un’area cani dedicata ai nostri “amici a 4 zampe” e la possibilità di reperire e posizionare alcuni giochi per bambini, tutto questo affinché quelle quattro aree, sinora lasciate all’incuria, possano essere utilizzate dai cittadini e loro stessi ne diventino rispettosi fruitori e gelosi garanti.
  8. Barriere antirumore sulla Nomentana Bis; come avrete notato questo importante intervento è quasi terminato, resta da realizzare un ultimo tratto di circa 15 metri verso la Centrale del Latte, i residenti già ne stanno apprezzando i benefici e se a breve anche l’asfalto della strada sarà ripristinato, allora si compiaceranno dell’efficacia di questo mezzo di protezione acustica che il Comitato è riuscito ad ottenere grazie ad una grande tenacia .

Concludiamo questo resoconto dell’assemblea invitando i cittadini a partecipare attivamente alla vita del quartiere, intervenendo alle varie iniziative proposte e apportando il proprio prezioso contributo alle attività del Comitato anche solo in termini di consigli e suggerimenti.
Aderire all’Associazione Sportiva Socio Culturale di Casal Monastero è un modo per sostenere la nostra azione “sempre dalla parte dei Cittadini”.

Vi aspettiamo presso la sede di via Poppea Sabina 71, aperta il venerdì ed il sabato dalle 17:00 alle 19:00.

A.S.S.C. Casal Monastero
Il Direttivo

129 - Verbale_incontro_CLR2
Media voto: 3.00 su 5.00