In macchina state attenti ai furti e…ai furbi !!

0
91

Tempo fa avevamo già inserito un articolo che trattava delle nuove “metodologie di furto” adottate da alcuni balordi, quando si è a bordo delle proprie autovetture.

Qualche giorno fa è capitato a Patrizia, una componente del Direttivo dell’A.S.S.C., di ricevere un gran colpo alla sua auto mentre si trovava a transitare su via Nomentana all’altezza del Circolo del Panda, lei preoccupata si è accostata e un giovane molto garbato, italiano e ben vestito, le si è avvicinato chiedendogli se non si fosse accorta di avergli danneggiato l’auto.
Grande è stato lo stupore di Patrizia nel constatare che effettivamente un segno sulle carrozzerie delle due auto c’era veramente, ma lei sapeva di non aver fatto nulla per averli causati.
Sostenendo la sua teoria, il balordo ha continuato la messinscena e ha chiesto di essere risarcito di circa 150/200 euro per il danno subito, fortunatamente Patrizia non li aveva con sé e ha chiamato il marito con il cellulare.
Lui l’ha subito messa in guardia e gli ha consigliato di proporre al tizio un canonico “CID”.
Invece, il tizio, ha insistito per accordarsi sull’importo, proponendo alla signora l’emissione di un assegno o di recarsi insieme presso un bancomat a prelevare l’importo richiesto.
Patrizia ha dapprima finto di accettare e poi, nei pressi di un incrocio si è dileguata ed è tornata a casa fortunatamente senza subire il furto.
Questa nuova tecnica, del forte colpo sulla carrozzeria, (tanto nuova non è) viene spesso adottata nei confronti delle donne sole a bordo della propria macchina e, capita sovente, che se i delinquenti non riescono a ricevere quanto richiesto, portano via la borsa della donna dall’auto, distraendola con la scusa di verificare il danno.
Quindi, invitiamo a fare attenzione nel caso vi capitasse un episodio simile e, qualora vi sembrasse un tentativo di truffa, chiedete i dati personali del conducente paventandogli una richiesta d’intervento dei Vigili Urbani. Vedrete che funzionerà e il gaglioffo rinuncerà al colpo. Se poi avrete grande prontezza, prendete il numero di targa dell’auto e segnalatelo alle autorità di Pubblica Sicurezza o ai Carabinieri.
Ci sembrava opportuno mettervi in guardia.

A.S.S.C. Casal Monastero
Il Direttivo

Media voto: 3.00 su 5.00