Casal Monastero: scuola pronta ma non ancora consegnata ai Cittadini

0
53

Da RomaToday

Non risulta nell’elenco scuole utilizzabili del MIUR per mancanza di personale didattico e ausiliario. Il presidente Zaghini: “La popolazione è aumentata, chiediamo l’istituzione di un distretto scolastico”

I lavori alla scuola materna di Via Nomentum, nel quartiere di Casal Monastero, sono stati ultimati nell’agosto dello scorso anno ma ancora oggi l’istituto non è stato consegnato ai cittadini. Il motivo del ritardo è dovuto alla mancanza di insegnanti. Intanto, la domanda aumenta e i bambini di Casal Monastero sono costretti a diventare pendolari già da piccoli

La denuncia arriva dal comitato di quartiere Casal Monastero, il presidente Alessandro Zaghini, a Roma Today ha dichiarato: “Questa scuola, pur essendo stata ultimata già da prima dell’estate scorsa, non è stata aperta all’utenza per la mancanza di personale didattico e ausiliario, il comitato di quartiere ha messo in campo tutte le energie possibili per arrivare ad una soluzione positiva”. Potrebbe sembrare paradossale ma invece quello che avviene alla scuola Nomentum rischia di comportare un ulteriore ritardo nell’apertura, ancora in forse per l’anno scolastico 2015-2016. “Qualcosa si sta muovendo – sostiene ancora Zaghini – i genitori hanno potuto presentare domanda di iscrizione, in maniera cartacea, presso l’istituto comprensivo Gandhi di San Basilio che dovrà prendere in carico la scuola di Via Nomentum ma ancora oggi non abbiamo conferme sull’apertura, in quanto – continua ancora Zaghini – La scuola non è ancora dotata di un codice meccanografico che ne permetta l’inserimento nell’elenco del Miur, nell’elenco delle scuole utilizzabili ai fini delle domande di iscrizione”.

L’emergenza scuola diventa un problema sentito più che mai a Casal Monastero in quanto è cambiato l’aspetto demografico, come spiega Zaghini: “Con la presenza di una sola scuola materna, Casale Azzurro, che ospita oggi 75 bambini, non si soddisfa l’esigenza della popolazione, che registra un tasso di natività molto alto. Ogni anno, circa cinquanta bambini vengono iscritti altrove perché restano fuori. E’ necessario che venga istituito un distretto scolastico anche a Casal Monastero, che includa anche il quartiere Torraccia così da far rientrare l’emergenza”. I bambini che non trovano posto all’unica scuola materna del quartiere, vengono iscritti all’istituto comprensivo Gandhi di San Basilio. “Chiediamo l’apertura della scuola e l’istituzione di un distretto scolastico a Casal Monastero perché i bambini vanno seguiti da vicino e non perché non vogliamo mandare i nostri figli alla scuola di San Basilio, come erroneamente è stato interpretato in questi anni”.

Media voto: 3.00 su 5.00