Raddoppio Tiburtina – Qualcosa si muove davvero

0
33

La prima inaugurazione della giunta Alemanno nel 5° Municipio. L’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Roma Fabrizio Ghera dà il via ai lavori. Venerdi 15 maggio scorso, è stato inaugurato, senza proclami e annunci sfarzosi, il primo vero cantiere propedeutico all’allargamento della via Tiburtina.

A tagliare il nastro tricolore, l’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Roma, Fabrizio Ghera, che ha annunciato l’avvio del primo cantiere della Giunta Alemanno nel 5° Municipio. Accanto a lui, come spettatori interessati, anche il presidente del Municipio, Ivano Caradonna ed alcuni consiglieri della giunta municipale.

La durata prevista del cantiere è di circa un anno per una spesa complessiva di 5 milioni e mezzo di euro. Due le fasi: nei primi 150 giorni sarà realizzato il tronco di strada di congiungimento tra via di Tor Cervara e via Tivoli; nei secondi 210 giorni sarà ristrutturata la parte iniziale di via Tor Cervara con la rotatoria.

“Sono lavori necessari ed importanti – ha detto Ghera poco prima di tagliare il nastro – che serviranno a decongestionare il traffico.
L’impatto, oltre che per i cittadini residenti in zona, sarà anche per i numerosi pendolari.
Per questo cantiere stanno finendo le bonifiche per verificare la presenza di ordigni bellici e i rilevamenti archeologici. La prossima tappa per l’avvio del raddoppio della Tiburtina è fissato per quest’estate – ha assicurato Ghera – quando inizierà il cantiere a Settecamini, Case Rosse e Salone”.

Va precisato che, in realtà, tale specifico intervento, non fa parte dell’appalto per il Raddoppio della Tiburtina, ma deriva dal programma “Prusst Tiburtino” (III stralcio) che prevede, tra l’altro, la realizzazione di una strada “collaterale” alla via Tiburtina.
Questa, partendo da una rotatoria prevista su Via di Tor Cervara (poco prima del ponte sul fiume Aniene) la congiungerà con la parallela Via Tivoli, permettendo così di poter deviare il transito veicolare sulla nuova strada, all’avvio dei lavori – veri e propri – dell’appalto per il Raddoppio della via Tiburtina.
Nel contesto di quest’appalto è previsto anche lo spostamento dei sottoservizi e la realizzazione delle fognature per lo smaltimento delle acque piovane.
Un dettaglio non trascurabile, vista l’alluvione dello scorso dicembre nella zona della Tiburtina Valley. Il progetto prevede, oltre alla riqualificazione di quelle aree abbandonate, anche un tratto di pista ciclabile.

A.S.S.C. Casal Monastero
Il Direttivo

149 - Art_Ass_Radd_Tiburtina

Media voto: 3.00 su 5.00

Ultimo aggiornamento: