Morire in macchina su Via di S. Alessandro

0
91

IL COMITATO DA TEMPO CHIEDE SICUREZZA E PURTROPPO C’ERA DA ASPETTARSELO.

C’è poco da vantarsi, in casi come questo, nell’aver individuato – e più volte segnalato alle autorità preposte – un potenziale pericolo per l’incolumità pubblica, come quel tratto di via di S. Alessandro che dal nostro quartiere porta verso la Tiburtina.

Una strada buia, stretta e con curve molto pericolose, che spinge alla velocità ma non ha i requisiti minimi di sicurezza di una strada a doppio senso di marcia, peraltro priva anche della segnaletica orizzontale.
Certo, forse l’incidente mortale avvenuto venerdì scorso,23 luglio 2010, si sarebbe potuto evitare con una adeguata illuminazione e dei marciapiedi ben definiti, oppure sarebbe successo lo stesso, questo non lo sapremo mai, ma almeno non avremmo avuto il rammarico di non essere riusciti a farci ascoltare dagli Uffici competenti!
Speriamo che ora, con un morto sulla coscienza, i tecnici predispongano quanto necessario per mettere in sicurezza quel tratto di strada nel più breve tempo possibile!!!
Scriviamo sull’argomento almeno dal 2005 e proprio all’inizio di luglio avevamo inviato una nota di sollecito all’Amm.ne Comunale invitandoli ad affrontare il problema (allegato 1), purtroppo sono rimaste lettere inascoltate e oggi, alla luce dell’incidente che è costato la vita ad una persona, ci vediamo costretti ad inviare un nuovo appello alle autorità preposte ed al sindaco di Roma, affinché vengano avviate le procedure d’urgenza che il caso riveste, per l’adeguata sistemazione della strada (allegato 2).
Come spesso accade nel nostro paese, si chiuderà la stalla quando i buoi sono già usciti, ma almeno proviamo ad evitare ulteriori incidenti .

Vi aggiorneremo sulle eventuali risposte che perverranno sull’argomento.

A.S.S.C. Casal Monastero
Il Direttivo

216 - Richiesta_IP_Marciapiedi
217 - Sollecito_IP_Marciapiedi_dopo_incidente
Media voto: 3.00 su 5.00